Formazione professionale

Questo messaggio è rivolto a tutti coloro che intendono intraprendere l’attività di insegnante di tango o che già la svolgono .

Sei sicuro di avere i requisiti tecnici , didattici e musicali per svolgere con efficacia la professione di insegnante di tango?

Sei sicuro di conoscere i principi fondamentali e le caratteristiche che differenziano il tango dalle altre danze (o balli di coppia)?

Sei sicuro di conoscere i principi dell’equilibrio , dell’inerzia e della dinamica dei movimenti ?

Sei sicuro di avere le minime nozioni di anatomia ed educazione fisica per far si che non si creino danni posturali agli allievi ?

Sei sicuro di usare un metodo didattico corretto e collaudato nel tempo che permette di apprendere velocemente i principali movimenti del tango?

Sei sicuro di ballare in modo corretto improvvisando i tuoi movimenti nel rispetto del partner, del traffico in pista e dell’orchestra che ascolti?

Ok!!…. Se sei sicuro di tutto questo ti auguriamo buon lavoro….
Ma se hai dei dubbi , puoi sempre frequentare uno dei nostri corsi di formazione professionale per migliorare e approfondire la tua conoscenza del tango .

DIPLOMI AITA DI “MAESTRO DI TANGO ARGENTINO”

L’Accademia AITA di Mintecatini diretta da Mauro Zompa e Sara Masi, ha deciso di lanciare l’iniziativa di istituire degli esami per ottenere un Diploma di Maestro di Tango Argentino.

Scopo dell’iniziativa è principalmente quello di promuovere la cultura della preparazione tecnica e artistica tra coloro che si accostano al tango, lo praticano con successo e intendono sviluppare le doti necessarie per diventare anche maestri, oltre che ballerini.
Senza pretendere di soppiantare analoghe qualifiche offerte da altre scuole, o di prevaricare coloro che hanno una comprovata esperienza come maestri, oltre che come ballerini, riteniamo tuttavia che promuovere iniziative di questo tipo possa servire a favorire l’attecchire progressivo di un atteggiamento generale di rispetto verso l’attività di insegnamento e le qualità che essa richiede.
La speranza è quella che si possa sempre più istituzionalizzare il momento dell’affidamento di un corso e di regimentare il conferimento della qualifica di maestro della scuola attraverso un esame. Riteniamo che questo sia importante per garantire a coloro che si accostano al tango di non affidarsi incautamente a “insegnanti” improvvisati, che non abbiamo fatto un adeguato percorso formativo a contatto con professionisti e che, alla fine di questo percorso, non siano stati imparzialmente esaminati. Attraverso questa iniziativa, speriamo anche di favorire la creazione di una comunità di esperti che parlino una lingua comune si passi base del tango argentino.
Abbiamo perciò pensato di istituire formalmente questo percorso formativo, che terminerà con un esame condotto da maestri, sia interni che esterni, di comprovata esperienza e competenza.

Abbiamo fissato nel modo che segue i requisiti degli aspiranti maestri AITA:

1) almeno 4 anni di tango;
2) capacità di interpretazione musicale su diversi autori e orchestre, accompagnata da un’adeguata cultura musicale sui principali interpreti del tango, accanto alle capacità tecniche essenziali;
3) almeno 2 anni di tirocinio in scuole di tango di comprovata validità;

Queste le caratteristiche e modalità dell’esame:

1) certificheremo in 5 livelli la preparazione dei maestri (come per ogni esame, si può essere più o meno preparati, nonostante il superamento di una soglia minima di preparazione);
2) i diplomi saranno rilasciati a costo zero, ma saranno conferiti solo se il candidato sarà realmente preparato (è da evitarsi nella maniera più assoluta, pena la perdita di significato dell’iniziativa, il conferimento del diploma a pagamento, perché questo non garantirebbe l’imparzialità del giudizio e non servirebbe la meritocrazia e la certezza della preparazione);
3) l’ esame si terra nelle sedi AITA attraverso:

a) una prova pratica su tre brani musicali da improvvisare, anche con partner differenti;
b) una dimostrazione teorica e pratica della tecnica necessaria per ballare adeguatamente il tango argentino;
c) l’esposizione teorica e pratica della tecnica dei passi dell’uomo e della donna che saranno richiesti a discrezione degli esaminatori.
d) Se si aspira al diploma di 5° livello, verrà richiesto anche di dimostrare di essere in grado di concepire e strutturare una coreografia su un brano assegnato dagli esaminatori sul momento (saranno dati al candidato 30-40 minuti per concepire la coreografia, in una stanza separata).

4) La commissione sarà composta da maestri AITA con la supervisione di professionisti esterni di comprovata esperienza, per garantire l’imparzialità del giudizio.

Per le candidature, vi invitiamo a contattarci visitando il nostro sito www.aitango.org

I commenti sono chiusi